The Dreamers fa largo uso di frammenti cinematografici tratti da altri film, per lo più intervallati da discussioni sui film o da giochi basati su di essi. Questo uso di frammenti potrebbe sembrare una tecnica banale, ma in verità è un modo nuovo, e forse mai così riuscito, di rendere la cinefilia.

Vediamo insieme i titoli citati all’interno della pellicola di Bernardo Bertolucci:

  1. Il corridoio della paura (1963) by Samuel Fuller
    Il film che Matthew guarda alla Cinémathèque Française all’inizio del film.

  2. Bande à part (1964) di Jean-Luc Godard
    Isabelle, Theo e Matthew corrono attraverso il Louvre, tentando di battere il record rappresentato in Bande à di 9 minuti e 43 secondi.
  3. Perfidia  (1945) di Robert Bresson
    Isabelle cita una frase famosa di questo film, dicendo a Matthew “Non esiste l’amore, solo prove d’amore”.
  4. Persona (1966) di Ingmar Bergman
    Matthew ha una foto di Liv Ullman e Bibi Andersson di Persona nel suo appartamento

  5. La cinese (1967) di Jean-Luc Godard
    Un poster del film è appeso a una parete nell’appartamento dei gemelli.

  6. Venere bionda (1932) di Josef von Sternberg
    Isabelle rievoca la scena indossando abiti bianchi.

  7. Freaks (1932) di Tod Browning
    Dopo che Isabelle, Theo e Matthew corrono attraverso il Louvre, Isabelle e Theo manifestano la loro accettazione di Matthew cantando: “Lo accettiamo, uno di noi”, in una riflessione sul ricevimento di nozze in Freaks.

  8. L’Age d’Or (1930) di Luis Buñuel
    Matthew succhia il piede di Isabelle, imitando Lya Lys nel controverso film di Luis Buñuel.

  9. Scarface (1983) di Brian De Palma
    Theo rievoca la morte del personaggio Tony Camonte interpretato da Paul Muni, sfidando Isabelle a dare un nome al film.

  10. La regina Cristina (1933) di Rouben Mamoulian
    Isabelle rievoca la scena in cui il personaggio di Greta Garbo, la regina Cristina, “memorizza la stanza”, nella camera da letto di Matthew, la prima notte in cui dorme.

  11. Cappello a cilindro (1935) di Mark Sandrich
    Isabelle sfida Matthew a nominare una scena in cui un ballerino di tip tap sveglia una donna nell’appartamento di sotto, poi si vedono Fred Astaire e Ginger Rogers.

  12. Fino all’ultimo respiro (1960) di Jean-Luc Godard
    Isabelle imita la Patricia di Jean Seberg la prima notte in cui Matthew trascorre con lei e Theo. Isabelle sostiene che le sue prime parole in inglese furono “New York Herald Tribune”, un riferimento consapevole al film francese della New Wave “Breathless”, in cui l’eroina Patricia urla la stessa cosa. Il riferimento è accompagnato da un segmento di detto film. Matthew imita il personaggio di Jean-Paul Belmondo strofinandosi le labbra con il pollice davanti allo specchio (qualcosa che Jean-Paul fa per imitare Humphrey Bogart).

  13. Viale del tramonto (1950) di Billy Wilder
    Isabelle indossa occhiali da sole e una fascia per la testa dando uno sguardo privo di emozioni, imitando il personaggio di Norma Desmond di Gloria Swanson nella scena in cui il personaggio di Joe Gillis di William Holden è entrato nella villa fatiscente e gli viene fatto leggere una sceneggiatura che Desmond ha scritto per lei. ritorno.
  14. Mouchette – Tutta la vita in una notte (1967) di Robert Bresson
    Dopo che Isabelle si rende conto che sua madre l’ha vista dormire nuda con suo fratello, cerca di ucciderli tre con il gas naturale. Quando chiude gli occhi appaiono le immagini del suicidio di Mouchette dal film di Robert Bresson.

  15. Il bandito delle 11 (1965) di Jean-Luc Godard
    Appare la musica del film.
  16. I 400 colpi (1959) di François Truffaut
    Appare la musica del titolo principale di Jean Constantin; Jean-Pierre Léaud, che interpreta il protagonista Antoine Doinel ne I 400 colpi, appare come se stesso.

  17. Seguendo la flotta (1936) di Mark Sandrich
    La musica della canzone di Fred Astaire “Let’s Face the Music and Dance” viene riprodotta quando Matthew visita la stanza di Theo

  18. Luci della città (1931) di Charlie Chaplin
    Quando Matthew e Theo discutono su chi sia il migliore (Keaton o Chaplin), Theo descrive una delle scene di “Luci della città”.

  19. Il cameraman (1928) Buster Keaton
    Nella stessa scena a cui viene fatto riferimento “City Lights”, Matthew difende Keaton e compaiono scene di “The Cameraman”.

  20. “Gioventù bruciata” (1956) e “Johnny Guitar” (1954) doìi Nicholas Ray
    Sono i film che Matthew cita quando Theo gli chiede quali film gli piacciono, quando si incontrano.